Bigindicator

Space Ophen Virtual Art Gallery

Profile  |  Artworks  |  Exhibitions  |  Network  |  Blog  |  Comments
20171226100556-1_-_2015_japan_-_giovanni_bonanno_-_ryosuke__cohen__fractal_project_giovanni__bonanno__marzo_2015_-_collezione_bongiani_ophen_art_museum__1_
RYOSUKE COHEN (Japan)., 2015 Fractal Portrait, Giovanni Bonanno Cm 42 X 59,4 © Collezione Bongiani Art Museum
20171226100653-2_-_rosaria_genettasio__fractal_portrait_di_ryosuke_cohen
RYOSUKE COHEN (Japan)., 2015 Fractal Portrait Rosaria Genettasio Cm 42x59,4 © Collezione Bongiani Art Museum
20171226100942-cp691_-_ryosuke__cohen__fractal_project_noriko__shimizu__marzo_2015_-_collezione_bongiani_ophen_art_museum__2__2
RYOSUKE COHEN (Japan)., 2015 Fractal Portrait Noriko Shimizu Cm 42x59,4 © Collezione Bongiani Art Museum
20171226101158-4_-_sandro_bongiani__fractal_portrait_di_ryosuke_cohen
RYOSUKE COHEN (Japan)., 2015 Fractal Portrait Giovanni Bonanno Cm 42x59,4 © Collezione Bongiani Art Museum
20171226103615-7_-_shozo__shimamoto___head___cm_29_2x29_6_su_supporto_di_cm_40x50__stampa_con_intervento_a_smalto_e_collage_-_1998__firma_in_basso_
SHOZO SHIMAMOTO, 1998 (firma in basso) “Head” Cm 29,2 X29,6 Su Supporto Di Cm 40 X50 © Collezione Bongiani Art Museum
20171226103645-6_-_shozo__shimamoto__senza_titolo__fotografia_e_collage__cm_20_6_x_25_su_supporto_di_cm_40x50_-__1990
SHOZO SHIMAMOTO, 1990 Senza Titolo , Fotografia E Collage Cm 20,6 X 25 Su Supporto Di Cm 40 X50 © Collezione Bongiani Art Museum
20171226103712-10_-_giovanni__bonanno_occupazione__oriente__foto__con_intervento_a_china__cm_20_1x23_3__su_supporto_di_cm_30x40___2016
GIOVANNI BONANNO, 2016 Occupazione Oriente Cm 20,1 X23,3 Su Supporto Di Cm 30 X40 © Collezione Bongiani Art Museum
20171226103732-11_-_giovanni__bonanno_head_-_shx___foto__con_intervento__a_china____cm_34_1x_40_su_supporto_di_cm_40x50___2016
GIOVANNI BONANNO, 2016 Head Shx Cm 34,1 X 40 Su Supporto Di Cm 40 X50
20171226103818-1-_1985
GUGLIELMO ACHILLE CAVELLINI (GAC)., 1985 Busta Con Francobolli Di G. A. Cavellini Cm 34,1 X 40 Su Supporto Di Cm 40 X50 © Collezione Bongiani Art Museum
20171226103838-2-_1985
GUGLIELMO ACHILLE CAVELLINI (GAC)., 1985 Busta Con Francobolli Di G. A. Cavellini Cm 34,1 X 40 Su Supporto Di Cm 40 X50 © Collezione Bongiani Art Museum
20171226103852-3_-_1986
GUGLIELMO ACHILLE CAVELLINI (GAC)., 1986 Busta Con Francobolli Di G. A. Cavellini Cm 34,1 X 40 Su Supporto Di Cm 40 X50 © Collezione Bongiani Art Museum
20171226104108--1_francobollo__art_verona_2016
GIOVANNI BONANNO, 2015 Shozo Shimamoto, Artistamp Verona 2015 29.7 X 21 © Collezione Bongiani Art Museum
20180619161553-tre_fractal_portrait__project_del_2018_presenti_nella_retrospettiva__a_pontassieve___fi_
Fractal Portrait project, 2018 Grafica Tre Opere Di Cm 209x89 Ciascuno, Insieme Totale Cm 209x 267 © © Collezione Bongiani Art Museum
20180619170134-ritratto_di_ryosuke__cohen__japan_
20180619170146--_performance_fractal_body_con__andr__rober__2017
20180619170153--_l_artista_giapponese_ryosuke_cohen
20180619170201--_l_artista_giapponese_ryosuke-cohen
20180728094712-960-ryosuke__cohen__japan
Ryosuke Cohen Artista Giapponese
20180102105633--__logo_spazio_ophen_virtual_art_gallery_di__salerno
Quick Facts
Birthplace
Salerno
Birth year
2009
Lives in
Spazio Virtuale Interattivo
Works in
Arte Contemporanea
Schools
Representing galleries
Collezione Bongiani Art Museum
Address
Via S. Calenda, 105
Salerno
84126 Salerno (Italy).
Italia
IT
- COLLEZIONE BONGIANI ART MUSEUM / ITALY

Show in progress:

SPACE OPHEN VIRTUAL ART GALLERY

"SELFIE / Searching for Identity"

Edited by Sandro Bongiani

From 28 December 2018 to 28 April 2019

 

On Sunday 28rd December, at 6.00 pm, the international group exhibition will be inaugurated by Sandro Bongiani entitled "SELFIE / Searching for Identity", an exhibition on identity that develops around the theme of selfie and self-portrait. On show 72 works by many international artists who have developed with different expressive techniques a research based on the continuous evolution of the contrasting sensations of contemporaneity highlighting the problematic and true essence of our precarious existence.

 

PRESENTATION:

"SELFIE / Searching for Identity"

International Collective Exhibition dedicated to Selfie and the search for identity

 

 Which identity?

 

Never before has man been faced with a situation of "total s-nourishment" as in our day. The technological civilization has upset the normal relationship between man and nature, shattered the usual concept of space / time and consolidated the sense of loss. The rapidity and acceleration of our existence has negatively affected all modern civilization. The isolation of our time from that of nature, the continuous and nomadic movement of our movements has become an essentially "artificial" element no longer tied to normal rhythms. The space-time dimension of the earth and of the universe has contracted to such an extent that it gives way to the speed of television transmission in real time in an essentially "immaterial" and inactive dimension. A capitalist society that has lost the usual points of reference and created the constriction and the great emptiness of contemporary man; now nothing is measurable, there are no longer even stable models. We live in a very precarious situation where the movements, real-time communications, television, the distorted use of social networks like Facebook, Instagram, the paranoid and manic photographic selfie, along with other contingent factors have changed and deleted the identity of each of us. We often change the identity of what is second, of the context in which we find ourselves using the same gestures and the same language, perhaps out of fear of being marginalized; we are afraid of appearing "different" from others and therefore we look at the other "in an attempt to be the same person. In this comparison there is the urgency to redesign the boundaries of the ego, the ego and the other are continually involved and conditioned in a transcurrent and indeterminate process of definition and remodulation. Otherness means comparison between the self and the other and suggests similarity, difference and way of stabilizing an identity. Furthermore, it is also the ability to change, to cross certain boundaries and become "other". With the otherness new borders are created, but also new limits. With assimilation and simulation we tend to eliminate distinction and diversity in a process by which the otherness of the other (or ours) is called to conform. In some ways, contemporary man perpetuates the concepts of assimilation, resemblance and diversity. However, "to be" means not to conform to anyone; do not wish to achieve similarity in anything. The loss of the identity of the contemporary man by now accustomed to pre-established ways and imposed by the social system generates confusion and dissociation in this society full of profound cultural, social and political changes, marked by otherness and by new and possible ways in the construction of I, dismantling the usual traditional concepts replaced by new and temporary perceptions and the new way of relating; no longer the image of how we are, but how we can "be" replacing the image of ourselves with the reflex and appetizing of the other. All this makes the man appear complicatedly expressionless and useless. Only the artist, as a good and curious analyst, exposes man in front of himself, to his cultural and social mirror, making us understand how today's technology has definitely upset our lives. With this it does not want to construct the ego as a recording of beauty, but as a possibility to access a deeper level of consciousness in reality, defining a model much more concrete than the conviction of a stereotyped and anonymous model of the present, imposed and conditioned through advertising and the tools of occult persuasion. We live in an age uniformed with deeply homologated and split beings, characterized by a profound dissociation from the reality that heavily affects our life. Man can try to overcome his limitations and his certainties, but he must not lose consciousness of himself, of his "personal self" and the difference "of the other". Being reduced to one dimension in a problematic way highlights one's own fragility by sharing the similarity, repetitiveness, the similarity of the other and denying the knowledge of an ego that fails and does not wish to define itself and consolidate itself in more stable forms.  Of course, these conditioning accepted by ordinary and normal now dismantle the construction of a personal ego by passively accepting the clichés and preferring a false way of being in the extreme attempt of appropriation of a pseudo unity to find itself. It is no coincidence, if we deliberately used, for the first time in one of our virtual shows, a sought-after frame of great workmanship and beauty, this would make us reflect on the precarious condition of the individual who supremely demands the appearance of the other, in this case is the frame, the priority role of managing and giving body to its visibility. An entirely lacerated individuality that can not find its logical dimension. In feeling lost and helpless we are all forced to scrutinize ourselves in the mirror of our "impersonal self" in search of any anonymous and sterilized identity, but perfectly adhering to the precariousness of our existence and of how we have become.  

Sandro  Bongiani

 

Artists present: Guglielmo Achille Cavellini, Picasso Gaglione, Luc Fierens, Reid Wood, Noriko Shimizu, John M. Bennett, Rosalie Gancie, Mailarta, Snappy, Maria Alejandra Besozzi, Matthew Rose, Miguel Jimenez, Coco Gordon, Cracker Jack Kid, Mustafa Cevat Atalay, C. Mehrl Bennett, Fernando Aguiar, Monsenhor enVide neFelibata, Anja Mattila, Marina Salmaso, Remy Penard, Pedro Bericat, Michel Della Vedova, Maria Josè Silva - Mizè, Clemente Padin, Maya Lopez Muro, Jacob de Chirico, Ruggero Maggi, Emilio Morandi, Ernesto Terlizzi, Mauro Molinari, Pier Roberto Bassi, Rolando Zucchini, Gino Gini, Carlo Iacomucci, Fernanda Fedi, Claudio Grandinetti, Luisa Bergamini, Giovanni Fontana, Enzo Patti, Giancarlo Pucci, Vittore Baroni, Elisa Zadi, Marcello Diotallevi, Alfonso Caccavale, Alessandra Angelini, Antonio Sassu, Calogero Barba, Anna Boschi, Giovanni Bonanno, Lamberto Caravita, Bruno Cassaglia, Maria Credidio, Renata and Giovanni Stadada, Maria Grazia Martina, Cinzia Farina, Domenico S Everino, Daniele Virgilio, Gian Paolo Roffi, Antonella Sassanelli, Gianni Romizi, Pierpaolo Limongelli, The Santini del Prete, Lancillotto Bellini, Domenico Ferrara Foria, Bruno Pierozzi, Claudio Romeo, Fulgor G. Silvi, Roberto Scala, Francesco Cornello, Fiorentina Giannotta, Roberta Savolini.

 

"SELFIE / Searching for Identity"

SPACE OPHEN VIRTUAL ART GALLERY

Inauguration: Friday 28 December 2018, 18.00

Via S. Calenda, 105 / D - Salerno, Tel / Fax 089 5648159

e-mail: bongianimuseum@gmail.com

Web Gallery: http://www.collezionebongianiartmus...

Hours continued every day from 00.00 to 24.00

 

 

 

Show Turn

SPAZIO OPHEN VIRTUAL ART GALLERY

 “Marginali Attivi / 70 Ryosuke  Cohen”

a cura di Sandro Bongiani

Dal 31 luglio  al 1 dicembre  2018

Inaugurazione:  martedì 31 luglio  2018,  ore 18.00

 

S’inaugura  martedi 31  luglio 2018, alle ore 18.00, la mostra  collettiva internazionale a cura di Sandro  Bongiani dal titolo: Marginali Attivi / 70 Ryosuke Cohen che lo Spazio  Ophen Virtual Art Gallery di Salerno dedica all’artista giapponese, uno dei più longevi e interessanti   artisti contemporanei nati negli anni quaranta.  Una interessante mostra collettiva in concomitanza  anche della speciale ricorrenza del suo settantesimo compleanno, presentando 164 opere su un totale corpus grafico di  ben 281 opere arrivate  da ogni parte del mondo  da importanti artisti internazionali che periodicamente si  sono avvicendati a collaborare con impegno e assiduità con Cohen.

Ryosuke Cohen, nato nel 1948, Osaka, in Giappone,  è un Mail Artista. Il nome della famiglia è Kouen  ma su consiglio di Byron Black, ha adottato  il nome  inglese  'Cohen' come in ebraico. Cohen scoprì la mail art in Canadà.  Ryosuke è il figlio di un noto scrittore di haiku in Giappone, Jyunichi Koen. I primi lavori di Cohen sono il risultato di un misto di tradizione e immaginario giapponese, numeri  e icone contemporanee  così com’è la sua firma, la lettera "C". L’artista giapponese per lungo tempo è stato interessato al movimento  Dada e Fluxus,  in contatto con Shozo Shimamoto e i membri del gruppo Gutai  condividendo in modo spontaneo e naturale un nuovo modo di fare arte contemporanea. Ryosuke non è il primo artista postale e marginale giapponese, ma sicuramente è l’autore giapponese più longevo nel network internazionale Dopo Ray Johnson e  Guglielmo Achille Cavellini, anche Ryosuke Cohen  rimette  ancora una volta in gioco le carte della sperimentazione in  un sistema culturale antiquato che preferisce l’opera creata appositamente per essere commercializzata. Lo fa  proponendo un particolare suo progetto “Brain Cell” (Cellula celebrale), iniziato nel giugno 1985 con  migliaia di membri  sparsi in oltre 80 paesi.  Un lavoro che raccoglie  ogni 7-10 giorni circa le immagini di tanti artisti su un'unica pagina allegando un elenco di indirizzi di collaboratori, 55 in media per opera, che lo ha visto coinvolto per oltre  30 lunghi anni,  rifiutando l’opera unica e concetti  consueti come l’originalità e quindi, preferendo maggiormente il gioco, la ricerca  e la libertà concreta dell’artista volutamente collocato ai margini dell’attuale sistema culturale. Per questo modo di fare, egli è forse il più  interessante e attivo artista nella rete di chiunque altro per la capacità organizzativa del progetto e per diffusione capillare dell’arte marginale.  Nell'agosto 2001 ha iniziato in Italia  il progetto “Fractal Portrait”, facendo ritratti e silhouette del corpo ai suoi amici artisti in occasione dei  vari Meeting   svolti in diverse parti del mondo; Stati Uniti, Canada, Inghilterra, Irlanda del Nord, Spagna, Jugoslavia, Germania, Olanda, Corea, Italia e Francia.  Cohen è l’artista contemporaneo che non rappresenta più colui che produce un’opera d’arte secondo le vecchie idee classiciste della tradizione, ma ricopre il ruolo di mediatore e di intermediario tra la realizzazione di un’idea progettuale (la sua) e coloro che partecipano al progetto. Praticamente, egli si fa promotore di un “fare” diventando regista di un intervento provvisorio,  che nasce  dal contributo degli altri e  si materializza insieme  nella collaborazione collettiva in cui tutti possono partecipare ed essere positivamente e  appassionatamente coinvolti nella  creazione dell’opera. In oltre trent’anni di lavoro ha esposto con mostre e svolto performance  e incontri  in diverse aree geografiche del  mondo.  Attualmente vive a Ashiya-City Hyogo in Giappone.

 

 

Artisti presenti: Ryosuke Cohen, Giappone I John Held, Usa I Nicolas de la Casininière, Francia I Jan Theuninck, Belgio I Josè Luis Alcalde Soberanes, Messico I Horst  Tress, Germania I Pedro Bericat, Spagna I Mauro Molinari, Italia I John M. Bennett, Usa I Rémy Pénard, Francia I Virginia Milici, Italia I Lamberto Caravita, Italia I Renata e Giovanni Stradada, Italia I Rosalie  Gancie, Usa I Michel Della Vedova, Francia I Vittore Baroni, Italia I Bruno Cassaglia, Italia I Tommaso Cascella, Italia I Giovanni Fontana,  Italia I Antonio Sassu, Italia I Lancillotto Bellini, Italia I Mariano Filippetta, Italia I Emilio Morandi, Italia I Marina Salmaso, Danimarca I Luisa  Bergamini, Italia I Guido  Capuano, Italia I Dmitry Babenko, Russia I Cinzia Farina, Italia I Umberto Basso, Italia I Cesar Reglero, Spagna I Marcello Diotallevi, Italia I  Fernando Andolcetti, Italia I Alfonso Caccavale, Italia I Leonor  Arnao, Argentina I I Santini del Prete, Italia I Pascal Lenoir, Francia I Monica Michelotti, Italia  I Matthew Rose, Francia I Alberto Sordi, Italia I Guy Bleus, Belgio I Claudio Grandinetti, Italia I C. Mehrl Bennett, Usa I Alessandra Borsetti Venier, Italia I Lars Schumacher, Germania I Ernesto Terlizzi, Italia I Jacob de Chirico, Italia I Susanne Schumacher, Germania I Ruggero Maggi, Italia I Maria Credidio, Italia I Maya Lopez Muro, Argentina I Antonio Gomez Garcia, Spagna I Michel Della Vedova, Francia I Fernanda Fedi, Italia I Fernando Aquiar, Portogallo I Gino Gini, Italia I Anna Boschi,  Italia I Luc Fierens, Belgio I Gyorgy Galantai, Ungheria I Alessandro Ceccotto, Italia I  Giovanni Bonanno, Italia I Pier Roberto Bassi, Italia I Seiei Jack, Giappone I Ko De Jonge, Olanda I Keiichi Nakamura, Giappone  I Calogero  Barba, Italia I Katerina Nikoltsou, Grecia I Carlo Iacomucci, Italia I Kiki  Franceschi, Italia I Antonio Baglivo, Italia I Tomaso  Binga, Italia I Matthew Rose, Francia I Anna Banana, Canada I Noriko Shimizu, Giappone I Miguel  Jimenez, Spagna I Rosa Gravino, Argentina I Giancarlo Pucci, Italia I Rolando Zucchini, Italia I Alessandra Angelini, Italia I Domenico Ferrara Foria, Italia I Aarol Flores, Messico I Gabi Minedi, Italia I Laura Agostini, Italia I Maribel Martinez, Argentina I Alexander Limarev, Russia I BuZ Blurr, Usa I Patrizio Maria, Italia I Franco Altobelli, Italia I Daniele  Virgilio, Italia I Aleksandar Jovanovic, Serbia I Roberto Keppler, Brasile I Oronzo Liuzzi, Italia I Francesco Aprile, Italia I Osvaldo Cibils, Italia I Domenico Severino, Italia I Lucia Spagnuolo, Italia I Linda Paoli, Italia I Elena Marini, Italia I Francesco Cornello, Italia I Juan Lopez de Ael, Spagna I Mabi Col, Italia I Mzia Valerian, Belgio I Rafael Gonzales, Spagna I Miray Birce Gur, Turchia I Jaromir Svozilik, Norvegia I Fulgor C. Silvi, Italia I Stefan Reinhard, Germania I Lia Franzia, Italia I Pierpaolo Limongelli, Italia I Turkan Elci, Turchia I Claudio  Romeo, Italia I Michelle, Usa I The Wasted Angel, Belgium I Angela Caporaso, Italia  I Eni Ilis, Brasile I Beatriz Albuquerque, Portogallo I Anna Karina Fries, Germania I Derya Auci, Turchia I Stiliachus, Germania I Anna Miller, Oba Mail Art Group, Germania I Maria Teresa Cazzaro, Italia I Horvath Piroska, Austria I Bruno Chiarlone Debenedetti, Italia I Cecilia Bossi, Italia I Mustafa Cevat Atalay, Turchia I Vero Rigole, Belgio I Adriano Bonari, Italia I Teri Anderson, Inghilterra I Maurizio Follin, Italia I Afrodite Karamanli, Grecia I Sigrid Sack, Germania I Rossana  Bucci, Italia I Roberto Scala, Italia I Cobàs  (Mario Carchini), Italia I Amadeu Escorcio, Portogallo I Piero Barducci, Italia I Bayron Dede, Turchia I John  Gayer, Finlandia I Nicolas Malevitsis, Grecia I Antonia Mayol Castellò, Spagna I Silvano Pertone, Italia I Francesco Mandrino,  Italia I Francine Fox, Usa I Adriana  Lucaciu, Romania I Kathleen  McHugh, Usa I Sophia Martinon, Grecia I Janys Oliveira Fortaleza, Brasile I Marie-Christine De Grave, Belgio I Heloisa  Sonaglio, Brasile. I Connie Jean, Usa I Meral Agar, Turchia I Raz Mail Art, Australia I Claire  Dinsmore, Usa I Oznur Kepce, Turchia I Francisco Sanchez Gil, Spagna I Hilar Tursoluk, Turchia I Annie Label, Australia I Marysia Raposo, Brasile I Turkan Elci, Turchia I Maria Josè Silva - Mizé, Portogallo I Sharon Silverman, Usa.

 

Biografia / RYOSUKE  COHEN

Ryosuke Cohen, nato nel 1948, Osaka, in Giappone,  è un Mail Artista. Il nome della famiglia è Kouen  ma su consiglio di Byron Black, ha adottato  il nome  inglese  'Cohen' come in ebraico. Cohen scoprì la mail art in Canadà.  Ryosuke è il figlio di un noto scrittore di haiku in Giappone, Jyunichi Koen. I primi lavori di Cohen sono il risultato di un misto di tradizione e immaginario giapponese, numeri  e icone contemporanee  così com’è la sua firma, la lettera "C". Ha condiviso l’esperienza Dada e Fluxus ed è stato in contatto con l’artista Shozo Shimamoto e con i membri del gruppo Gutai condividendo in modo spontaneo e naturale un nuovo modo di fare arte contemporanea. Ryosuke non è il primo artista postale giapponese, ma sicuramente è l’autore giapponese più longevo nel network internazionale Dopo Ray Johnson e  Guglielmo Achille Cavellini, anche Ryosuke Cohen  rimette  ancora una volta in gioco le carte della sperimentazione in  un sistema culturale antiquato che preferisce l’opera creata appositamente per essere commercializzata. Lo fa  proponendo un particolare suo progetto “Brain Cell” (Cervello Cellula), iniziato nel giugno 1985 con  migliaia di membri  sparsi in oltre 80 paesi.   un lavoro che raccoglie  ogni 7- 10 giorni le immagini di tanti Mail artisti su un'unica pagina allegando un elenco di indirizzi di collaboratori provenienti da alcuni paesi 55 in media per opera, che lo ha visto coinvolto per oltre  30 lunghi anni assieme a migliaia di membri  sparsi in tanti paesi,  rifiutando l’opera unica e concetti  consueti come l’originalità e quindi, preferendo maggiormente il gioco, la ricerca  e la libertà concreta dell’artista volutamente collocato ai margini di un sistema culturale monotono  e passatista. Per questo modo di fare, egli è forse il più  interessante e attivo nella rete di chiunque altro per la capacità organizzativa del progetto e per diffusione della Mail Art.  Nell'agosto 2001 ha iniziato il progetto “Fractal Portrait”, facendo ritratti e Silhouette del corpo ai suoi amici artisti in occasione dei  Meeting   svolti in diverse parti del mondo; Stati Uniti, Canada, Inghilterra, Irlanda del Nord, Spagna, Jugoslavia, Germania, Olanda, Corea, Italia e Francia.  Cohen è l’artista contemporaneo che non rappresenta più colui che produce un’opera d’arte secondo le vecchie idee classiciste della tradizione, ma ricopre il ruolo di mediatore e di intermediario tra la realizzazione di un’idea progettuale (la sua) e coloro che partecipano al progetto. Praticamente, egli si fa promotore di un “fare” diventando regista di un intervento provvisorio,  che nasce  dal contributo degli altri e  si materializza insieme  nella collaborazione collettiva In cui tutti possono partecipare ed essere positivamente e  appassionatamente coinvolti nella  creazione dell’opera. In oltre trent’anni di lavoro ha esposto con mostre e partecipazione a progetti in diverse are geografiche del  mondo.

       (Biografia  redatta  da Sandro Bongiani)

Vive e lavora a:

2-5-208 Niihamacho

Ashiya-City Hyogo

659-0031 Japan

E-mail :  braincell@k6.dion.ne.jp

 

Marginali Attivi / 70 Ryosuke Cohen

SPAZIO OPHEN VIRTUAL ART GALLERY  

Via S. Calenda, 105/D  - Salerno,  Tel/Fax 089 5648159    

e-mail:  bongiani@alice.it     

Web Gallery: http://www.collezionebongianiartmuseum.it  

Orario continuato tutti i giorni dalle 00.00 alle 24.00

 

 

 

XXVII Rassegna Internazionale “Incontri d’Arte”

La Barbagianna: una casa per l’arte contemporanea

Pontassieve (Firenze), via di Grignano 25

PROGRAMMA prima  parte della rassegna

sabato 30 giugno ore 17.00 - 22.00

Mostra Personale

Omaggio ai 70 anni di RYOSUKE COHEN (1948-2018) 

a cura di Sandro Bongiani

Durata della mostra: 30 giugno - 25 agosto 2018.

Con il patrocinio di: Regione Toscana, Città Metropolitana Firenze,  Comune di Firenze, Comune di Pontassieve.

Visite su appuntamento

 

Performance

 

Omaggio ai 70 anni di RYOSUKE COHEN (1948-2018)  a cura di Sandro Bongiani della Collezione Bongiani e dell’Ophen Virtual Art Gallery di Salerno. Nel 1985 Ryosuke Cohen ha iniziato il progetto internazionale  “Brain Cell” e  nel 2001 il Progetto “Fractal  Portrait” (face e body), coinvolgendo migliaia di artisti nel campo della collaborazione e della performance.  In mostra assieme ai 36 opere della serie “Brain Cell” (Cervello Cellula) dal numero 966 dell’8 gennaio  2017 al 999 dell’ 8 novembre 2017 di cui una speciale opera realizzata appositamente per il numero 1000, inoltre, vengono presentati tre  lavori  Fractal  Portrait   body inediti di grande dimensione creati appositamente per questa mostra a Pontassieve. Un progetto  globale di arte partecipata svolto da Cohen  da molti anni  nel campo dell’arte globale e della performance. In tanti anni di  lavoro hanno partecipato ai progetti di  Cohen moltissimi artisti che periodicamente si  sono avvicendati a collaborare con impegno e assiduità con l’artista giapponese.   

 

 

Ryosuke Cohen, nato nel 1948, Osaka, in Giappone,  è un Mail Artista. Il nome della famiglia è Kouen  ma su consiglio di Byron Black, ha adottato  il nome  inglese  'Cohen' come in ebraico. Cohen scoprì la mail art in Canadà.  Ryosuke è il figlio di un noto scrittore di haiku in Giappone, Jyunichi Koen. I primi lavori di Cohen sono il risultato di un misto di tradizione e immaginario giapponese, numeri  e icone contemporanee  così com’è la sua firma, la lettera "C". L’artista giapponese per lungo tempo è stato interessato al movimento  Dada e Fluxus,  in contatto con Shozo Shimamoto e i membri del gruppo Gutai  condividendo in modo spontaneo e naturale un nuovo modo di fare arte contemporanea. Ryosuke non è il primo artista postale e marginale giapponese, ma sicuramente è l’autore giapponese più longevo nel network internazionale Dopo Ray Johnson e  Guglielmo Achille Cavellini, anche Ryosuke Cohen  rimette  ancora una volta in gioco le carte della sperimentazione in  un sistema culturale antiquato che preferisce l’opera creata appositamente per essere commercializzata. Lo fa  proponendo un particolare suo progetto “Brain Cell” (Cervello Cellula), iniziato nel giugno 1985 con  migliaia di membri  sparsi in oltre 80 paesi.   un lavoro che raccoglie  ogni 7-10 giorni le immagini di tanti artisti su un'unica pagina allegando un elenco di indirizzi di collaboratori provenienti da alcuni paesi 55 in media per opera, che lo ha visto coinvolto per oltre  30 lunghi anni assieme a migliaia di membri  sparsi in tanti paesi del mondo,  rifiutando l’opera unica e concetti  consueti come l’originalità e quindi, preferendo maggiormente il gioco, la ricerca  e la libertà concreta dell’artista volutamente collocato ai margini dell’attuale sistema culturale. Per questo modo di fare, egli è forse il più  interessante e attivo artista nella rete di chiunque altro per la capacità organizzativa del progetto e per diffusione capillare dell’arte marginale.  Nell'agosto 2001 ha iniziato in Italia  il progetto “Fractal Portrait”, facendo ritratti e silhouette del corpo ai suoi amici artisti in occasione dei  vari Meeting   svolti in diverse parti del mondo; Stati Uniti, Canada, Inghilterra, Irlanda del Nord, Spagna, Jugoslavia, Germania, Olanda, Corea, Italia e Francia.  Cohen è l’artista contemporaneo che non rappresenta più colui che produce un’opera d’arte secondo le vecchie idee classiciste della tradizione, ma ricopre il ruolo di mediatore e di intermediario tra la realizzazione di un’idea progettuale (la sua) e coloro che partecipano al progetto. Praticamente, egli si fa promotore di un “fare” diventando regista di un intervento provvisorio,  che nasce  dal contributo degli altri e  si materializza insieme  nella collaborazione collettiva in cui tutti possono partecipare ed essere positivamente e  appassionatamente coinvolti nella  creazione dell’opera. In oltre trent’anni di lavoro ha esposto con mostre e svolto performance  e incontri  in diverse aree geografiche del  mondo. Vive a Ashiya-City Hyogo in Giappone.

 

 

 

Show in progress:

SPAZIO OPHEN VIRTUAL ART GALLERY

 MARCELLO    DIOTALLEVI

“In forma di viaggio, francobolli e lettere da Citera"

a cura di Sandro Bongiani

Dal 18 aprile 2018 al 1 luglio 2018

Inaugurazione:  mercoledì 18 aprile  2018,  ore 18.00

“In forma di viaggio, francobolli e lettere da Citera” è il titolo della mostra personale  che lo Spazio  Ophen Virtual Art Gallery di Salerno dedica a Marcello Diotallevi, uno dei più interessanti   artisti contemporanei italiani nati negli anni quaranta, che per questa  mostra  presenta  42 opere (24 Francobolli d’artista  e 18 Lettere da Citera)  realizzati  tra il  1984  e il  2012, oltre quarant’anni di ricerca, dagli esordi figurativi dei primi anni ’80 fino a oggi.

Marcello Diotallevi, classe 1942, sul finire degli anni Settanta ha iniziato le sue irruzioni nell’area della Poesia Visiva, utilizzando le lettere dell’alfabeto per accumuli, disseminazioni liberati da qualsiasi senso  e significato letterale, e in questi ultimi anni, anche del recupero del colore  e dell’uso gioioso della pittura. Artista di voli a cielo aperto di  “parole al vento”,  di  insolite lettere senza destinatario che ritornano al mittente; lettere in cui l’accumulazione grafica di simboli di tipo grafico creano nuove associazioni sempre imprevedibili e nuove,  disarticolando il linguaggio  e riducendolo a pezzi. L’intera produzione  dell’artista di Fano nasce dall’ibridazione dei linguaggi fino a sconfinare con convincente disinvoltura nella poesia visiva. Di questi ludici interventi provocatori   ne è responsabile Marcel Duchamp artista amato da Marcello per la componente estetica e concettuale. Decisamente rigorosi appaiono i francobolli d’artista e le Lettere da Citera presenti in questa mostra personale che l’artista ha creato  durante  la sua lunga e intensa attività. L’attenzione verso il francobollo d’artista di piccolo formato nasce nel 1984  con un francobollo “Jeune Peinture”, con fiaba al vento,  presentato al Grand Palais di Parigi. Tutti i francobolli presenti trattano temi fantastici, ironici e soprattutto sociali  in linea con la poetica  pungente  e immaginifica dell’artista fanese. Anche le lettere da Citera, opere realizzate su carta (cm 21x30) con tecnica di dattilografia su foto xerografia, rispettano questa attenzione e rigorosa severità alla composizione e al poetico messaggio nascosto e ibridato tra i lineamenti  definiti del corpo. Dedicate alla donna, nascono per essere lette e magari decifrate. Francobollo, lettera e lettere dell’alfabeto diventano così gesto d’amore e nel contempo  veicolo alla ricerca di un ipotetico destinatario. Una sorta di volo poetico  dentro la fantasia e l’incanto  con   la messa a fuoco di  presenze che cercano di esercitarsi al viaggio e  condividere l’in-definito. Lettere dal destino vago relazionano tra gli oscuri anfratti della mente con immaginari  francobolli in attesa che qualche  possibile destinatario possa decrittare gli oscuri presagi della parola, si aggrappano avidamente all’immaginazione e si lasciano trasportare al flusso delle correnti, coscienti  di non poter essere più significato compiuto ma  sola  presenza e indizio sfuggente.    

 

BIOGRAFIA 

Marcello Diotallevi è nato nel 1942 a Fano. E' vissuto per lungo tempo a Roma dove per un decennio ha esercitato l'attività di restauratore presso il Laboratorio di Restauro in Vaticano. Ha inizio in quegli anni anche la sua attività artistica all'insegna dell'irrequietezza. Come pittore prima, poi come scultore nei primi  anni Settanta, quindi per qualche tempo si occupa di grafica e infine inizia a scrivere. Sul finire degli anni Settanta hanno inizio le sue incursioni nell'area della Mail Art e della Poesia Visiva di cui è tuttora un impegnato protagonista. In oltre un quarto di secolo di attività artistica ha collaborato con suoi interventi a libri e riviste nazionali e internazionali. Nel corso del tempo ha tenuto varie mostre personali nelle maggiori città italiane, partecipando nel contempo a esposizione collettive in tutto il mondo. Fa parte del gruppo di intervento artistico "I metanetworker in spirit". Si occupa in prevalenza di installazione, Poesia Visiva e Mail Art. E' l'autore della copertina della Guida al Musée National d'Art Moderne - Centre Georges Pompidou di Parigi (Hazan Editeur 1983). Nel 2003 riceve l'invito a tenere una performance nella Sezione "Extra 50" della 50esima Edizione Internazionale d'Arte - Biennale di Venezia ma, non essendo egli un performer, declina l'invito. Nel 2007 è stato invitato alla 52esima Biennale di Venezia e poi nel 2011 alla 54 Biennale di Venezia, Padiglione Tibet, a cura di Ruggero Maggi. Dal 1974 vive e lavora a Fano.

 

MARCELLO    DIOTALLEVI

“In forma di viaggio, francobolli e lettere da Citera"

SPAZIO OPHEN VIRTUAL ART GALLERY

Via S. Calenda, 105/D  - Salerno

Salerno Tel/Fax 089 5648159    

e-mail:  bongiani@alice.it     

Web Gallery: http://www.collezionebongianiartmuseum.it

Orario continuato tutti i giorni dalle 00.00 alle 24.00

 

 

 

Salerno, "CAVELLINI ARTISTAMP / EXHIBITION AT HOME"

 

 

GUGLIELMO ACHILLE CAVELLINI

SPACE OPHEN VIRTUAL ART GALLERY

"CAVELLINI ARTISTAMP / EXHIBITION AT HOME"

edited by Sandro Bongiani

Critical presentation by Piero Cavellini

(In collaboration with the Brescia Archive of Cavellini)

From 22 December 2017 to 31 March 2018

Inauguration: Friday 22 December 2017, 18.00                       

                      

S’inaugura  venerdì  22  dicembre 2017,  alle ore 18.00,  la mostra  Personale dal titolo “CAVELLINI ARTISTAMP / MOSTRA  A  DOMICILIO” a cura di Sandro  Bongiani  che lo Spazio  Ophen Virtual Art Gallery di Salerno dedica all’artista italiano Guglielmo Achille Cavellini, presentando,  in collaborazione con l’Archivio Cavellini di Brescia  la serie di 77  francobolli, alcuni ancora inediti,  in una mostra  volutamente  “virtuale”,  come logico sviluppo delle mostre  realizzate dall’artista a domicilio,  tra opere ad acrilico, intarsio, carbone, legno, collage,  pennarello, serigrafia, fotografia e studi grafici preparatori creati nel corso degli anni 70’ e 80’ sotto forma di Artistamp, con il fine d’indagare  una parte  significativa del lavoro  di Cavellini ancora non  del tutto conosciuto. Nella sua ininterrotta navigazione nel territorio dell’arte GAC ha ricercato senza sosta segnali  chiarificatrici che rendessero esplicito la condizione dell’artista e le sue ambizioni molto spesso frustrate dal conflitto con la dinamica sociale. In tale contesto nascono i primi francobolli, nella seconda metà degli anni Sessanta, essenzialmente riproduzioni in legno ad intarsi di opere degne di essere eternizzate con il mezzo più semplice ed immediato che la comunicazione sociale ha per dare lustro ad un’attività umana: quello di inserirla nella iconografia postale.

Una vita dedita totalmente all’autostoricizzazione, diffusa ampiamente dal 1970 in poi  con mostre e cataloghi a domicilio, manifesti, spille, stickers, cimeli, francobolli, performance, happening, attendendo e programmando la celebrazione ufficiale del 2014 in concomitanza con il centenario dalla sua nascita, nel veneziano Palazzo Ducale e nei musei più prestigiosi del mondo.

Scrive Piero Cavellini nella presentazione alla mostra: “ E’ nei primi anni Settanta che, appropiandosi di una dilagante espressione concettuale, questi suoi giudizi in qualche modo esplodono. Nel 1971 conia il termine “autostoricizzazione” ed inizia un lavoro espanso ed insistito ponendosi in prima persona come paladino della condizione dell’artista portando su se stesso il compito di fornirgli le modalità per superare lo stato dell’esclusione. Lo fa essenzialmente col concetto di “Centenario” come strategia anticipatoria della propria celebrazione e con le “Mostre a domicilio”, veicolo espositivo postale che gli permette di esporre il proprio lavoro in diecimila luoghi in tutto il mondo. Queste attività lo inseriscono in un circuito di arte postale internazionale che già si stava diffondendo da qualche anno nelle dinamiche espressive del periodo.  E’ all’interno di questa fuga in avanti che rientra in gioco il “Francobollo” come elemento essenziale di questo tipo di circolazione artistica. Nella parte finale del suo lavoro, gli anni Ottanta, quando la sua presenza nel mondo dell’arte diventa estesa e partecipata, questo espediente sintattico della comunicazione diviene sempre più “opera dipinta” esso stesso dando sfogo ad una creatività senza freni, un produrre con soggetti svariati ed eclettici una grande quantità di opere come “Progetto di Francobollo per il mio Centenario”. E’ in questo periodo, quindi, che usa un suo particolare “stile” per dare sostanza al corpus di lavori che avrebbero dovuto supportare le esposizioni museali del 2014 .   Ne risulta  la composizione di un universo sia intimo che sociale con cui da corpo ad una visione di se stesso rapportato agli altri in cui il francobollo diviene il territorio privilegiato con cui tenta di eternizzare il proprio stato.

 

 

BIOGRAPHY by GUGLIEMO ACHILLE CAVELLINI

GAC (Guglielmo Achille Cavellini)  è stato un importante studioso e collezionista dell'arte astratta europea. Dalla metà degli Anni '40 esordisce con disegni e ritratti. Nel '60, si dedica invece alla sperimentazione: alcuni esempi del suo lavoro sono spesso legati a citazioni, vere e proprie elaborazioni di celebri opere che ne fanno un autentico attore nella messa in scena dell'arte. GAC mette in pratica la sua teoria dell'autostoricizzazione: il fare da sé nel costruirsi attorno l'alone del successo, mettendo in disparte i processi canonici che il sistema utilizza a tale scopo. Non è un atto di megalomane autorappresentazione, bensì l'innescarsi di una procedura alternativa: una rivoluzione all'interno della comunicazione artistica. Andy Warhol si mette a ritrarre Cavellini, e il geniaccio GAC rende omaggio a Andy con il francobollo "Le Marilyn di Warhol" (1984). L’utilizzo dei materiali di recupero (negli oggetti assemblati, negli intarsi in legno, nei carboni), è lo strumento del suo operare. Nascono i Teatrini e i  francobolli d’artista attraverso i quali viene reso omaggio ai geni della pittura: Picasso, Lèger, Matisse, Braque e nasce, anche, l’amore per la Mail Art, movimento libero  e democratico che permette a GAC di avere  contatti e confronti importanti con tanti artisti sparsi su tutto il pianeta.

 

- GAC (Guglielmo Achille Cavellini) was an important scholar and collector of European abstract art. From the mid-1940s he made his debut with drawings and portraits. In 1960, he devoted himself to experimentation: some examples of his work are often linked to quotations, true and proper elaborations of famous works that make it a true actor in the staging of art. GAC puts into practice its self-hororization theory: doing it by itself in building around the halo of success, putting aside the canonical processes that the system uses for this purpose. It is not an act of megalomaniac self-representation, but the triggering of an alternative procedure: a revolution within artistic communication. Andy Warhol starts portraying Cavellini, and the GAC genre pays homage to Andy with the stamp "The Marilyn of Warhol" (1984). The use of recycled materials (in assembled objects, in wood inlays, in coals), is the instrument of his work. The Teatrini and the artist's stamps are born, through which homage to the genes of painting is paid: Picasso, Lèger, Matisse, Braque and also the love for Mail Art, a free and democratic movement that allows GAC to have contacts and important comparisons with many artists scattered all over the planet.

 

"CAVELLINI ARTISTAMP / EXHIBITION AT HOME"

SPACE OPHEN VIRTUAL ART GALLERY

Via S. Calenda, 105 / D - Salerno

Salerno Tel / Fax 089 5648159

e-mail: bongiani@alice.it

Web Gallery: http://www.collezionebongianiartmuseum.it

Hours continued every day from 00.00 to 24.00

 

 

 

 

 

COLLEZIONE BONGIANI ART MUSEUM  OF  SALERNO - (ITALY)

Bongiani Collection Ophen Art Museum is a new experimental reality of museum and virtual gallery of contemporary art. An independent non-profit space committed to supporting and promoting contemporary art. The current interactive interface including the imaginary Collection, the Royal Collection of contemporary graphics and the new platform of the Ophen Virtual Art Gallery, is a virtual, interactive and fast space able to respond to the concrete needs of web users, able to to interest an ever-broader public eager to know contemporary art in a more direct and "democratic" way. Since 2009 we have carried out international projects, group exhibitions, solo exhibitions and retrospectives presenting different and interesting artists characterized by their own specific personal vision of art, thus trying to give our real contribution to the international cultural artistic scene. The Bongiani Ophen Art Museum is not a traditional art museum or a simple web presentation of a photographic book of works of art intended for sale online, but an innovative and highly interactive virtual space that uses the consolidated strategies of the real galleries of the official art system in a new and intelligent way. Specialized in the documentation of the activity of art consulting and of the diffusion of contemporary art, it is in fact an open space, it does not have a physical but only virtual surface, it is ideally located in Salerno and is visible 24 hours a day all over the world. Currently, this new extraordinary Italian experimental reality is one of the most important interactive non-profit virtual interactive galleries that operate on-line with a concrete and continuous program of serious cultural proposals.

 

La Collezione Bongiani Ophen Art Museum è una nuova realtà sperimentale di museo e galleria Virtuale di arte contemporanea.  Uno spazio indipendente no-profit  impegnato nel sostegno e nella promozione dell’arte contemporanea. L’attuale  interfaccia  interattiva comprendente la Collezione immaginaria, la Collezione reale di grafica contemporanea e la nuova piattaforma dell’ Ophen Virtual Art Gallery, risulta uno spazio  virtuale, interattivo e veloce capace di rispondere alle esigenze concrete degli utenti del web, in grado d’interessare un pubblico sempre più vasto e desideroso di  conoscere l’arte contemporanea  in modo  più diretto e “democratico”.  Dal 2009 abbiamo realizzato progetti internazionali, mostre collettive, personali e retrospettive  presentando  diversi  e  interessanti artisti caratterizzati da una propria specifica visione personale dell’arte, cercando così, di dare il nostro reale apporto alla scena artistica culturale internazionale.

Il Bongiani Ophen Art Museum  non è  un  tradizionale Museo di arte o una semplice presentazione web di un book fotografico di opere d’arte destinate alla vendita on-line, ma uno spazio virtuale innovativo e altamente interattivo che usa le strategie consolidate delle gallerie reali del sistema ufficiale dell’arte in modo nuovo e intelligente. Specializzato nella documentazione dell’ attività di art consulting  e di  diffusione dell’arte contemporanea è di fatto uno spazio sempre aperto, non ha una superficie fisica ma  solo virtuale, si trova idealmente a Salerno ed è visibile 24 ore su 24 in tutto il mondo. 

Attualmente, questa nuova straordinaria realtà sperimentale italiana risulta una  delle più importanti gallerie virtuali interattive no profit” internazionali che  operano con impegno on-line con un programma concreto e continuativo di serie proposte culturali.

 

Exhibited at these venues
Space Ophen Virtual Art Gallery has Exhibited at these venues: