Chicago | Los Angeles | Miami | New York | San Francisco | Santa Fe
Amsterdam | Berlin | Brussels | London | Paris | São Paulo | Toronto | China | India | Worldwide
 
Nowhere

Archivio Generale – Sede Storica, ex Convento di San Lorenzo

Exhibition Detail
Avventure Minime - Miocinesia nell'arte d'oggi
Curated by: Antonello Tolve
Via de' Renzi, Salerno
Salerno
Campagna
Italy


May 22nd, 2010 - June 13th, 2010
Opening: 
May 22nd, 2010 11:00 AM - 2:00 PM
 
Event-slideshow-placeholder-7598836db0df8fd38455e9b6cb02802f
> ARTISTS
> QUICK FACTS
NEIGHBORHOOD:  
other
PHONE:  
+39 349 5813002
OPEN HOURS:  
11 am
TAGS:  
conceptual
COST:  
free
> DESCRIPTION

AVVENTURE MINIME

Miocinesia nell'arte d'oggi

a cura di Antonello Tolve

 

artisti in mostra

Mrdjan Bajic, Jean-Michel Basquiat, Bianco-Valente, Joseph Beuys, Louis Cane, Maurizio Cattelan / Patrizia Giambi, Antonio Cervasio, Gianluca Codeghini, Gillo Dorfles, Fredrich Kiesler, Wilma Kun, Pierpaolo Lista, Pietro Lista, Richard Long, Annalisa Macagnino, Domenico Antonio Mancini, Alessandro Mendini, Moio & Sivelli, Damir O, Mimmo Paladino, Giulia Palombino, Anja Puntari, Luisa Rabbia, Marco Raparelli, Mimmo Rotella, Giuseppe Stampone, Studio Azzurro, Enrico Tealdi, Eugenia Vanni, Andy Warhol, Mary Zygouri.

 

Con due poesie di

Tomaso Binga

 

 

Archivio Generale – Sede Storica, ex Convento di San Lorenzo, Via de' Renzi, Salerno

preview per la stampa 22 maggio ore 10.00

opening 22 maggio 2010 ore 11.00 


orari 11.00 -13.00 o su appuntamento

dal 22 maggio al 13 giugno 2010

 

L'Associazione Corporazione delle Arti e delle Tecnologie con il patrocinio del Comune di Salerno – Assessorato al Turismo ai Beni Culturali e alla Portualità Turistica, la preziosa collaborazione del MMMAC – Museo Materiali Minimi d'Arte Contemporanea, della Fondazione Filiberto Menna – Centro Studi d'Arte Contemporanea e dell'Associazione Seventh Degree dell'Università degli Studi di Salerno presenta, per le manifestazioni di Salerno Porte Aperte 2010 – Maggio dei Monumenti – la mostra collettiva Avventure Minime. Miocinesia nell'arte d'oggi, a cura di Antonello Tolve.

 

"I rimasugli del poeta, lo spartito incompleto di un compositore, il modello di una scultura, il disegno preparatorio o il semplice schizzo lasciato su un foglietto qualsiasi e magari approntato su un tram, in treno, nella sala d'attesa di un aeroporto, durante la fila che si fa per pagare la bolletta di turno in un ufficio postale. Caratterizzato da un gesto fulmineo e a volte frenetico", suggerisce Antonello Tolve nel testo in catalogo, "lo schizzo rappresenta il mondo embrionale e sotterraneo dell'arte che fa i conti con un atteggiamento miocinetico, basato, cioè, su un sistema psichico incompleto o, quantomeno, non così dettagliato come quello trattato dal raziocinio e dalla rielaborazione e organizzazione di tutti quei materiali primari che caratterizzano una molteplicità di condotte cotidiane.

Tutti quei segni che maltrattano un volume, quei segni lasciati tra le righe o ai margini di saggi, romanzi o raccolte poetiche (trattini, freccette, parentesi, piccole v, stelle e crocette) che, oltre a disegnare una vera e propria segnaletica in cui l'artefice ritrova una personalissima geografia, rendono caratteristico il libro. Tutte quelle parole, quei cerchietti, quadratini, quei triangolini e quei segni decisamente automatici che lasciamo su un foglietto, su uno scontrino, su un post-it, al termine di una telefonata. Tutte quelle pseudoforme insignificanti che produciamo quotidianamente e buttiamo regolarmente nel cestino della carta perché inutili e inutilizzabili (ma tuttavia figli di un appagamento momentaneo). Sono esperienze psicomotorie (impulsi fulminei) che, se da una parte si presentano come involontarie azioni autoterapeutiche perché svolgono un'attività appagante e dunque non trasformano il desiderio e l'impulso elementare in una frustrazione o in un insuccesso, dall'altra disegnano un vero e proprio scenario interiore il più delle volte incomprensibile al suo autore".

 

"La gestualità impura, lo scarabocchio, il ghirigoro, la macchia o lo sgorbio che molte volte l'artista reputa inutile e decisamente secondario rispetto ad opere elaborate con cura (anche in vista di un loro ingresso nel mercato dell'arte) è, in molti casi, il primus movens di un discorso che troverà soltanto successivamente una reale conformazione, una reale compilazione, un reale raziocinio.

Miocinesia nell'arte d'oggi vuole essere un omaggio a Gillo Dorfles, e precisamente ad un ambito del suo pensiero che, per la forte coincidenza tra la pratica critica e quella pittorica, ha individuato nei collassi della ragione o nei flussi dello sgrammaticato la rivincita di un potere magico e mitico centrale nella produzione artistica di ogni tempo".

"Senza alcuna pretesa di essere esauriente o minuzioso nelle sue forme, lo schizzo si pone, così, tra le maglie dell'arte e della sua storia (delle sue storie), come fonte di studio tenacemente connessa all'intenzione dell'artista.

Di dimensioni ridotte e di rapida esecuzione, questa forma fetale è un'impressione che si pone, paradossalmente, come un non finito compiuto. In altre parole, quello che definiamo come schizzo riassume al suo interno – in uno spazio che sottolinea, appunto, la velocità dell'esecuzione – ciò che è necessario e sufficiente per fornire una determinata informazione.

Così, tutte quelle linee intime che sviluppano su ogni tipo di superficie le forze creatrici dell’artista, linee preverbali e pregrammaticali in cui è possibile individuare appieno il senso investigativo e la libertà espressiva dell’artista fanno del materiale minimo una vera e propria modalità estetica presente in ogni attività artistica e non".

 

////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

 

Sponsor tecnici: Autosele / Concessionaria Opel, Interauto / Concessionaria Citroën, Lega delle Cooperative di Salerno – Società Cooperativa San Galileo / Cooperativa Edilizia Madonna delle Grazie, IN RADA / Ristorante - Pizzeria, Zoolander Store.

 

////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

 

Luogo: Archivio Generale – Sede Storica, ex Convento di San Lorenzo, Via de' Renzi, Salerno

Orari d'apertura: 10.00 – 13.00 / o su appuntamento +39 349 5813002

Periodo della mostra: dal 22 maggio al 13 giugno 2010

Catalogo MMMAC Edizioni / EDI.COM

 

////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

 

 

     

  • Come raggiungere l'ex Convento di San Lorenzo / Archivio Storico di Salerno
  •  

     

 

in auto:

1 – Da Via Alfonso Gatto, al II semaforo (Piazza S. Leo) svoltare a destra per Via Paesano che diventa, dopo pochi metri Via de' Renzi. Il Convento S. Lorenzo è sul versante sinistro della strada, immediatamente dopo il semaforo che regola il senso alterno.

2 – Da Via del Risorgimento, dopo la galleria, svoltare a sinistra per Via Paesano che diventa, dopo pochi metri Via de Renzi. Il Convento S. Lorenzo è sul versante sinistro della strada, immediatamente dopo il semaforo che regola il senso alterno.

3 – Da Via Camillo Sorgente, dopo aver attraversato Via Paolo Diacono, il Convento S. Lorenzo è sul versante destro della strada (oltre la Chiesa di S. Anna), dopo il semaforo che regola il senso alterno.

 

in autobus:

Linea suburbana n. 1 – da Teatro Verdi e da Piazza XXIV Maggio (fermata dopo Galleria di Via del Risorgimento).

Linea urbana n. 26 – dal piazzale Stazione e da Piazza XXIV Maggio (fermata S. Anna in S. Lorenzo).


Copyright © 2006-2013 by ArtSlant, Inc. All images and content remain the © of their rightful owners.