Chicago | Los Angeles | Miami | New York | San Francisco | Santa Fe
Amsterdam | Berlin | Brussels | London | Paris | São Paulo | Toronto | China | India | Worldwide
 
New York

Daniel Lifschitz

Indicator-greybk-0576b3776febf9f4be8e16c49bdf76da
 
  • Islam
  • 20110323104437-beato_l_uomo_che_ama_la_torah
  • Adriatico
  • Bacino_san_marco
  • Toscana
  • Ultimi_raggi_sul_lemano
  • Gondola
  • Canal_grande__2006__cm_70_x_100__euro_1900_full
  • Canal_grande__2006__60_x_85__2006__euro_1500_full
  • La_barzeletta_dello_shabbath
  • Il_rebbe_schneerson_dei_lubavich__1991__cm_88_x_68__offenburg__vecchia_sinagoga_full
  • Attesa_spiando
  • Attesa_messianica__1995__cm_70_x_100__venduto_full
  • Il_rabbi_spia_i_discepoli
  • Beato_l_uomo_che_ama_la_torah
  • Billiardo
  • Caf__de_paris
  • Fiori__2006__cm_50_x_36___euro_800_full
  • Regatta
  • Natura_morta__natura_morta__2006__cm_55_x_63__euro_1500_full
  • Natura_morta_2006__cm_55x_40_ca
  • Nella_sinagoga_chassidica_1995__cm_98_x_67__euro_1500_full
  • L_illuminato__1964_-_2006_cm_34_x_73____euro_500_full
  • Lettore_illuminato__1964_-_2006__cm_35_x_50__euro_600_full
  • Lettura__1964_-2006__cm_57_5_x_35__5_euro_800_full
  • Bouquet__cm_65_x_49__2007
  • Fiori_francesi__cm_52_x54___2007
  • Rose__cm_50_x_24__2007
  • Hommage___vuillard__45_x_45_cm___2006
  • Hommage_a_chardin__cm_55_x_72__2007
  • L_uomo_solo__cm_38_x_30___2007
  • Frascati___cm_63_x_42__2006__m_
  • Alpi_apuane__2007___cm_75_x_46_
  • Cabbalah__98_x_65___2006
  • Arno__cm_45_x_60___2006
  • Hommage_a_bonnard__cm_55_x_30__2007
  • La_casa_di_loreto__cm_52_x_55__2007
  • Clowns__20_x_123_cm__2007
  • Lago_dei_quattro_cantoni___cm_60_x_46__2007
  • Nel_museo__1998__cm_68x95
  • Luce__cm_45_x_38__2007
  • Il_fico__cm_52_x_52___2007
  • Fiori_del__600__cm_90_x_60__2007
  • Fiori_lunari__cm_70_x_42__2007
  • Natura_morta_ollandese_cm_75_x_72__2007
  • Muro_del_pianto__moschea_omar_cm_60_x_48__2006
  • Venezia__cm_45_x_43___2007_prop
  • Venezia___cm_80_x_65___2007
  • Venezia_1993_-cm56_x_68_-_1993_prop
  • Ultimo_raggio_sul_bacino_san_marco__cm_46_x_58___2006
  • Vaso_di_fiori__cm_65_x_47___2008
  • Trinit____cm_32_x30___2006
  • Torcello__cm_65_x_95___1995
  • Marina_siciliana__2006___cm_45_x_35___euro_700_full
  • 1
  • Via_manzoni
  • Bicchiere_magico
  • Ginevra
  • Giunchi__1999__cm_25_x_18__euro_500_full
  • Lago_lemano
 



Ritratto

Birthplace
Berne, Switzerland

Birth year
1937

Lives in
Switzerland

Works in
Rome (300) and New York (50)

Website

Representing galleries
Looking for an agent and galleries worldwide

Tags
exhibition/performance, figurative, traditional, modern, surrealism, landscape, gallery realism, FOUNDATION, publication mixed-media

Statement

CURRICULUM  

Daniel Lifschitz 

Looking for an agent and galleries in Europe and US 

www.dlifschitz.com

daniellifschitz@hotmail.com; d.a.lifschitz@gmail.com

 

Daniel Lifschitz was born in  Bern ( Switzerland) in  1937.

As a 10 years old boy he starts a collection of Greek, Roman and Jewish Coins, Etruscan, Greek, Roman, Egyptian (Coptic) art.

After High School he studies for two years Archaeology at the University of Bern (Schefold) and Geneva.

In spring 1960 he interrupts his studies and immgrates to Israel, where he settels in the Kibbutz Nir-David. (Emek Beit Shan). He brings his whole collection, which becomes the stock of the Museum of Mediterranean Archaeology (See Google) between the Kibbutz and the famous national Park Sachne (Gan hashlosha) . The  town of  Frankfurt a.M. donates 250.000 DM for the costruction of the first building. 1970 an other gift by a Member of the Rothschild Family in Paris makes the inauguration of the second building possible.

1961 Lifschitz, during an existential crisis leaves the Kibbutz and his collection and travels for several months in North India (Monastery Ramakrishna, Almora), Himalaya, Benares ecc.

1962 – 64  he lives  on the island  Patmos (Greece), where he starts  to paint.

From  1964, date of his first one man exhibition in Lausanne (Galerie Bridel) Lifschitz has  exhibited his paintings in 3 museums and more then 100 one men shows in Italy, Switzerland,, France, Belgium, Holland, USA, Germany and Israel. About his Jewish Paintings three books where published in Germany (Herder), France and Italy (see Google)

1964 Lifschitz leaves Patmos for Tuscany  (Cortona - Arezzo).

In 1966 he asks for  the Baptism in the Catholic Church.

From  1966 to 1972 he joins the monastic Community of Giuseppe Dossetti (see Google) first in Monteveglio (BO) later on in  Jerusalem.

1974 he joins the neocatecumenal way and marries Angela Bonsangue in Palermo. Together with their five children they evangelize preaching in Sicily, Greece, Turkey, Egipt, Israel (in palestinian parishes ), Switzerland, Etiopia  and seven years in the USA (Texas and Chicago).

1986 Lifschitz starts to write biblical commentaries on Psalms (11 books)  and Genesis (6 books), several books on Chassidism, on the Jewish Holydays, and three books on Jewish Jokes.     

1994 Lifschitz leaves the Neocatecumenal way and start a catechesis on Psalms.

Last year he published 2 autobiographic books in Italian. He is looking for a Publisher in English.

Since 2000 Lifschitz writes also theatre pieces and Scripts for Movies. (See Google and Youtube 1937)

 

Some of his One Man Shows

1964       Galerie Maurice Bridel, Lausanne

1966       Galerie Ateliertheater, Bern.

1968       Galerie Villamont Lausanne

                Galerie de la Cathédrale, Friburg

1969       Galleria del Caminetto, Bologna

1970       Artists House, Jerusalem

                Dugith Art Gallery, Tel-Aviv

1971       Galleria Forni, Bologna

                Galleria Carrefour des Arts, Sion

1972       Galerie Picpus, Montreux

1973       Galerie Engelberts, Genéve

1974       Galleria Mediterranea, Palermo

1975       Weteringgalerie, Amsterdam

1976       Touchstone Gallery, New York

1977       GalerieEngeIbert, Genéve

                Weteringgalerie, Amsterdam

1979       Musée cantonal des beaux-arts, Lausanne

                Galerie Racines, Bruxelles

1980       Galerie Münsterberg, Bâle

1981       Galerie Christoffers, Zürich

                Galerie Etraz, Lausanne

                Galerie Schindler, Bern

1982       Galerie Picpus, Montreux

1983       Galerie d'Etraz, Lausanne

1984       Galerie Schindler, Bern

1985       Galerie d'Etraz, Lausanne

1986       Galerie de Ballens (Vaud)

1987       Galerie de l'Escapade, Cartigny, Genève

1988       Galerie Paul Vallotton, Lausanne

1989       Galerie Schindler, Bern

                Vallotton, Lausanne

1990       Centro internazionale San Lorenzo, Roma

1991       Galerie Aktuaryus, Strasbourg

                Galerie Paul Vallotton, Lausarme

1992       Galerie de la CathédraIe, Fribourg

1993       Southwest Gallery, Dallas

1994       Galerie de la Cathédrale, Freibourg

1994       Galleria San Vidal, Venezia

1995       Galleria Biagio Conte, Palermo

1996       Fondazione Cini, Ferrara

1996       Katholische Akademie, Freibourg

1996       Galerie du Vieux Villeneuve, Villeneuve-Montreux

1997       Museum im Ritterhaus, Offenburg

1997       Galerie Aktuaryus, Strasbourg

1998       Galerie "Hinter Lenchens Haus", Bendorf

1999       Galerie Kusthaus Ort, Bonn

1999       Galerie Plaisir des yeux, Sierre

2000       Rocca San Vitale (Fontanellato), Parma

                Galerie de la Cathédrale, Fribourg

                Chiesa di Santa Lucia del Gonfalone, Roma

                Casa BAM, Il Polittico degli Allegri Inventori, Roma

2002       Galleria “La nave va”, Rimini

2006       Abbazia di San Nilo – Grottaferrata (RM)

2007       Centro Giovanni XXIII, Frascati

2008       Scuderie Aldobrandini, Frascati

               Isola del Cinema (Tiberina) Roma

2009           Chiostro San Bonaventura, Frascati

Biblioteca Comune Monte Porzio Catone

Galleria Rettori/Tribbio2 – Trieste

Palazzo Conti Gentili,  Alatri (Fiuggi)

Galleria 105ART, Roma

Chiostro del Borromini e Chiesa San Carlino, Roma

“Edith Stein”, exhibition in the convent of the Carmelite Fathers, Treviso

“Edith Stein”, presso lo Stand 25 Meeting dell’amicizia, Rimini

***

Permanent Showroom, Centro Giovanni XXIII, Via Colle Pizzuto 2, Frascati

Rewiews

ART NEWS

New York , June 1976

Daniel Lifschitz (Touchstone): Lifschitz’s 60 pastels form a scintillating first one-man show. Their cumulative impact is powerful enough to erase all suggestion that pastel is an over-delicate weakling among art media; Lifschitz reminds us that since Degas one can not longer think that way about pastel. The Italian artist Morandi was an early influence on Lifschitz, but at this stage the influence of Degas and Whistler is much more palpable in his work. Though brilliantly colored pastel compositions punctuate his oeuvre ( such as On the Beach), Lifschitz frequently will restrict a series of compositions to greys (the Nocturnes of the late 1960s and early ‘70s), and has most recently found white a fascinating and rewarding colour (Winter Landscape, 1976).
Refusing to let even the length of a pastelstick intervene between his hand and the paper, the artist rubs the sides of the stick flat into his favourite black paper and achieves what he describes as a “velouté”, a velvetly texture that lends itself well to the creation of the mood Lifschitz seeks in his remembered Landscapes, interiors, and even still lives.

Such reliance on memory is a tremendous asset in his work, sharpening and clarifying the formal relationships: in a still live with a lemon and banjo the artist has achieved the ideal of abstractions - one actually forgets the original motifs, despite their continued presence, and is inundated with the piece’s formal and colouristic perfection.

Margaret Betz

 Pittore

Ricordi d'infanzia

Poco prima della guerra il museo di Lucerna organizzò, con il contributo del Prado di Madrid, una mostra sulla pittura spagnola. Avevo quattro anni e mio padre - non so per quale motivo, forse perchè non aveva in quel momento una governante a disposizione - mi ci trascinò. Fece bene. Durante il viaggio di ritorno, come segno di amore precoce verso Velasquez e company, mi scappò la pipì sul bel catalogo della mostra. Fortunatamente era un libro rilegato in lino, in modo che le fotografie dei quadri non si ingiallirono.

Dopo quella pisciata - a parte le numerose visite nei musei con papà - non mostrai più nessun interesse particolare per la pittura; anzi a scuola, nell'ora di disegno, non andavo mai oltre la sufficienza, un voto che si dava per pietà alle schiappe, per non far loro ripetere l'anno.

Mi rimangono però due ricordi, legati all'arte: il primo è lo schiaffo tremendo che il professore di disegno, Schoenholzer, mi mollò quando mi scoprì a leggere un romanzo durante la sua sacra lezione[1]. Traballai dal mio pulpito attraverso tutta la classe fino alla finestra. Visto che Schoenholzer non aveva mai perso le staffe così, devo pensare che quel giorno abbia dormito male, che abbia litigato con la moglie, o... che fosse un antisemita incancrenito[2].

Il secondo è positivo. È legato ad una piccola gita che feci con un compagno di scuola in mezzo alla natura. Volevamo imitare gli impressionisti. Riuscii ad interpretare campi ed alberi con matite a colori come se fossi un vero pittore, eppure non avevo mai disegnato in campagna. Ripensando a questo disegno, capisco oggi che ho ricevuto una scuola d'arte non frequentando i corsi di disegno del caro Schoenholzer, ma seguendo mio padre in tante mostre e musei: questa forse è una delle migliori scuole per formare l'occhio di un pittore.

Ricerche pittoriche a Patmos

Da allora non feci più niente fino al quadro del Crocifisso di cui ho parlato prima[3].

Dopo l'India, ero partito per Patmos con la ferma intenzione di diventare pittore. Dovevo lavorare seriamente, cosa a cui non ero abituato. Fino ad allora non mi ero mai impegnato seriamente, se non per il museo, il partito comunista, e l'Hashomer Hatzair.

Nella mia stupenda casa, accanto alla grande sala (8 x 12 metri) dove tenevo gli attrezzi di pittura, installai lo studio. Una finestra dava sul cortile, l'altra, opposta, sul mare e sul monte Elia. In questo modo potevo alternare la fonte di luce.

Per un intero anno feci quattro ricerche:

  • ­ studiavo un libro di Johannes Itten del "Bauhaus"[4] sul colore ed eseguivo tutti gli esercizi proposti: scale di grigi dal bianco al nero, colori complementari, chiaro scuro ecc.;
  • ­ disegnavo con matita, china, carboncino e tempera la natura, Chora e l'isola di Patmos e, a casa, nature morte, persone ed animali ecc.;
  • ­ dipingevo con colori ad olio, con acquarello e tempera un mondo fantastico ed onirico - in questo ero influenzato da Paul Klee;
  • ­ copiavo, interpretandoli, capolavori dei grandi maestri.

Questo durò un anno intero.

Venne a trovarmi per due mesi Denise Voita, della quale ho già parlato. È un'ottima pittrice, con la quale potevo dialogare e confrontarmi.

Degas

Per cambiare aria, facevo ogni tanto un viaggio ad Atene, dove avevo amici, artisti greci e scrittori inglesi. Era l'occasione per visitare qualche mostra, comprare materiale di Belle Arti e divertirmi. In una libreria trovai un testo francese: "Degas à la recherche de sa técnique". Fu la svolta. Degas è il più grande pastellista dell'800[5]. I suoi pastelli sono più originali e numerosi dei suoi oli. In questo libro veniva descritto minuziosamente tutto il suo percorso tecnico. Lo seguii metodicamente.

Fu così che giunsi, dopo un anno, ad esprimermi con una tecnica soddisfacente, ma non ancora con un mio stile personale.

Con il pastello feci ritratti di mia madre, di Argyro, del mio cane Lofi, e nature morte.

Kokoschka

Dopo questo primo anno passai l'estate in Europa, frequentando a Salisburgo un corso di Kokoschka. Devo premettere che il suo stile barocco di allora, con gli anni sempre più commerciale[6], non mi è mai piaciuto.

Gli elogi del maestro e del suo assistente, che davanti ad un mio acquarello esclamò: "Geniale! Lei ha la pittura nel sangue!" mi bloccarono totalmente[7].

Ansioso di migliorare e di continuare ad eccellere, persi ogni spontaneità ed estro. Quando Kokoschka passò di nuovo tra i cavalletti, si fermò davanti ai miei acquarelli e disse: "Lei sta andando indietro, è tutto rigido, mi delude". Bastò quel "rimprovero" in pubblico per farmi decidere di lasciare la scuola e di interrompere, dopo due settimane, il corso costoso che doveva durare un mese.

Espressione personale o stile

Fu nel secondo anno di Patmos che sbocciò, sempre con il pastello, qualche cosa di nuovo. Qualche cosa che doveva evolvere lentamente verso una mia espressione personale.

Per due settimane sfornai uno o più dipinti al giorno.

Mi dissi: "C'è l'ho fatta. Sono pittore!".

Nella mia mente la storia doveva continuare così: ogni giorno uno o due dipinti, almeno 300 all'anno.[8]

Per festeggiare la mia carriera - che non era neanche cominciata - quella sera scolai un'intera bottiglia di whisky. Fu fatale: il giorno dopo ripresi a dipingere, ma avevo perso ogni ispirazione. Riuscivo solo a copiarmi e ricopiarmi. La cosa divenne un'ossessione che mi portò ad un vero e proprio esaurimento nervoso. Cominciai ad avere paura di tutto, anche di alzarmi dal letto; insomma, dovetti smettere e riposarmi. Ma la depressione aumentava[9].

Nel frattempo erano avvenute le dimostrazioni antisemite davanti alla mia casa[10]. Così decisi di lasciare Patmos.

Tornai a Losanna, dove mi iscrissi come allievo libero all'École des beaux arts e presentai - fu la mia prima mostra personale - i miei pastelli nella Galleria Bridel. Non vendetti niente[11]. Ebbi però ottime critiche. Questo irritò i miei professori a tal punto che mi misero l'aut aut: o sei allievo, e allora niente mostre; o sei già pittore, e allora niente accademia. Ovviamente scelsi la seconda alternativa.

Stanco di vivere con mia madre - nel frattempo era tornato anche mio fratello - decisi di ripartire. Continuare a vivere a Patmos non era prudente, e non ne avevo più nessuna voglia. Così decisi per l'Italia. Ero innamorato della pittura di Piero della Francesca, e progettai di vivere nella sua Toscana, vicino ad Arezzo.

"Marquet ha espresso a volte una identica atmosfera in alcune sue tele delle rive della Senna, atmosfera che unisce in una stessa essenza acqua, ponti, battelli. Ad impressionare così l'occhio penetrante dello spettatore e teso alla ricerca, c'è infatti il desiderio di affermare e di riprendere, di offrire e di strappare, di proporre e di dedurre. E davanti allo spettro di un pioppo apparso all'improvviso ai bordi di una strada, che potrebbe appartenere alla pianura del Rodano o del Po, si potrebbe essere portati a credere che il poeta pittore abbia voluto descrivere la solitudine immensa ed angusta della gente e delle cose, la loro situazione "al limite del mondo" come dice Landry dove tutto sta per precipitare verso un ignoto destino sul quale l'artista ha steso un velo impenetrabile. Il pregio maggiore dell'opera di Lifschitz è l'incontestabile coerenza, che il pittore non tradisce mai ed alla quale, dalle opere più fantasiose alle più inerenti alla realtà, rimane assolutamente fedele. Oltre al "far vedere", a cui si riferisce Paul Eluard, Lifschitz ci "fa sognare". E questo è un modo che ci aiuta a prolungare da una visione all'altra, la ricerca interiore che questa pittura non manca di suscitare".
Reb. ( Feuille d'Avis de Lausanne, Losanna 1968).


[1] Di segno opposto e lodevole era invece la reazione del mio professore di filosofia, Saeuberli, alle mie "dormite" durante le sue lezioni. Ero ostico alla filosofia, e appena apriva bocca mi addormentavo. Lui se ne accorgeva, ma da vero filosofo mi lasciava sonnecchiare.

[2] Non ho, come il sionismo politico e un certo ebreo, la tendenza di vedere dappertutto antisemiti. Quell'uomo dovette un giorno prendere il treno di notte per Berlino. Aveva prenotato un posto in uno scompartimento a due letti.

Quando la mattina volle lavarsi si accorse di aver dimenticato la toilette a casa. Gettò uno sguardo furtivo sul suo compagno di viaggio e, notando che sembrava una persona amabile, chiese:

"Caro signore, mia moglie, quella distratta, ha dimenticato di mettermi la toilette nella valigia, potrebbe prestarmi un piccolo asciugamano?".

"Con molto piacere!".

"Come faccio adesso a pettinarmi?".

"Ecco un pettine e una spazzola!".

"Mille grazie! La disturbo per l'ultima volta: avrebbe un pezzo di sapone?".

"A disposizione".

"Uno piccolo specchio?".

"Eccolo!".

"Purtroppo, scusi, ho dimenticato anche lo spazzolino da denti".

"Questo no, caro signore, è un oggetto personale, non lo presto a nessuno!".

L'ebreo (tra sé): "Ecco un altro antisemita!".

[3] Vedi il capitolo: Un quadro cambia la vita, a pag. 115.

[4] Johannes Itten (Sudernlinden, 1888-Zurigo, 1967). Pittore "scientifico", membro del "Bauhaus". Più notizie su di lui su internet.

[5] Non posso rivelarvi chi è il migliore pastellista del nostro tempo. La mia umiltà me lo vieta...

A proposito del "migliore", ecco quello che successe a New York nella strada dei sarti, la Taylorstreet.

Un giorno uno di loro, un sarto americano, affisse un cartello alla sua vetrina: "Il miglior sarto di New York!".

Lo vide un suo vicino, un francese e affisse: "Il miglior sarto degli USA!".

Questo affronto insopportabile provocò l'ira di un concorrente inglese che, scavalcando tutti, affisse: "Il miglior sarto del mondo!".

Un sarto ebreo, messo alle strette, affisse: "Il miglior sarto della strada!".

[6] Si salvano i dipinti di gioventù.

[7] Per un allievo dotato non c'è niente di più deleterio di elogi esagerati e complimenti.

[8] Proiezione folle, dovuta alla mancanza d'umiltà e alla fase maniacale del bipolarismo; oggi si realizza, spontaneamente e senza sforzo, grazie al Battesimo.

[9] Ad Atene ero terrorizzato ad attraversare la strada col verde; ero convinto che mentre attraversavo sarebbe cambiato in rosso. Così aspettavo anche dieci minuti, finché mi decidevo ad attraversare la strada, correndo come un pazzo, appena spuntava il verde.

[10] Vedi il capitolo Patmos II, a pag. 146.

[11] Partii in modo irragionevole con prezzi troppo alti. Nella mostra successiva, a Berna, sempre nel 1964, scesi di molto e vendetti quasi tutto. 

"I pastelli di Lifschitz non sono che trascrizioni di stati d'animo. Attenti più a tradurre una qualità di luce e d'impressione che a cogliere profilo e combinazione delle forme, raggiungono uno spogliamento che una vibrazione colorata, soffice e vaporosa riempie insieme di serenità e di mistero. E anche di attesa! "Suggerire è creare, spiegare è distruggere." Come si applica bene questo pensiero alla pittura di Lifschitz. Si ha la sensazione che basterebbe pochissimo: una forma troppo descritta, un dettaglio troppo precisato, un'esplosione di colore troppo violenta, a spezzare il filo teso che la sospende fuori del tempo, a mezza via tra sogno e realtà."
Françoise Jaunin (TLM, Friburgo 1980)

"Composizioni estremamente spoglie e paesaggi di un'intensa interiorità ci attraggono verso un mondo segreto, dai grigi sfumati, dalle sfumature bronzodorate...Arte di fine autunno cui il fremito del pastello aggiunge un palpitare di luce diffusa...La sua vena contemplativa non è priva di richiami al vecchio simbolismo europeo... L'accento è messo soprattutto sul clima allusivo, sull'irrealtà dell'immagine."
Paul Caso ("Le Soir", Bruxelles 1979)

Recent Exhibits

Daniel Lifschitz participated in these exhibits:

Aug, 2009 Ar(T)cevia international Art Festival
Rome
 
Aug, 2009 Edith Stein in Auschwitz
Meeting dell'amicizia 2009 Rimini
 
Aug, 2009 Edith Stein in Auschwitz
Meeting dell amicizia, Rimini Hall 5 /Stand 25
 
May, 2009 Edith Stein in Auschwitz
Jerushalaim
 
May, 2009 Man and book, mistical glass
Jerushalaim
 
Dec, 2006 The colums of Jerusalem / Let by light!
Jerushalaim
 
Click here to see all exhibits for Daniel Lifschitz
Exhibited at these venues
Main-addtags-924c433b10d7fa1e798f459a6c516fec add to mylistEmail email this artistWarn16_1-acea3e816f6ab6f7c1ff67db4fe34a36 report abuseMain-help-83f1644dca34c1af4fed1d49d175d955 contact us for help

Copyright © 2006-2012 by ArtSlant, Inc. All images and content remain the © of their rightful owners.